DISTRIBUZIONI SPECIALI: consigli e buone pratiche

Il portale permette ora a ogni Gestore di ricercare liberamente nuovi produttori speciali e organizzare con loro Distribuzioni Speciali Autonome. 

Queste distribuzioni vivacizzano l’offerta dell’Alveare, ma implicano anche maggiori responsabilità per il Gestore che le organizza. Ecco allora alcuni consigli 100% approvati dall’Alveare Madre per organizzare una Distribuzione Speciale Autonoma perfetta (da qui in poi, DSA) e non incorrere in alcuni inconvenienti tipici di queste operazioni.   

  • Qualità, prezzi, logistica

Una DSA funziona se vengono soddisfatti i seguenti criteri: ottima qualità del prodotto, giusti prezzi, buona logistica. In ogni DSA la responsabilità della riuscita dell’operazione è completamente in mano al Gestore d’Alveare, che dovrà assicurarsi di aver discusso di tutti questi aspetti con il produttore selezionato prima di stipulare l’accordo. 

  • Logistica (sì, di nuovo)

La logistica in tutti i suoi aspetti (spedizione precisa, puntualità di consegna, trasporto idoneo al prodotto, accordo su minimo d’ordine, rimborsi e storni) è la parte più delicata dell’organizzazione di una DSA. L’Alveare Madre non potrà intervenire se un produttore commetterà errori. Perciò, prima di stipulare la collaborazione: 

- Assicurati che le spese di spedizione siano incluse nel prezzo di listino

- Assicurati che venga utilizzato un corriere adeguato per la conservazione del prodotto, soprattutto quando è richiesto il mantenimento della catena del freddo.

- Assicurati della fascia oraria di arrivo del corriere e della sua flessibilità. 

  • Fiscalità

La fiscalità è un aspetto molto importante da valutare, prima di organizzare una DSA. In particolare, considera che: 

 - Se non hai la partita IVA, anche una sola collaborazione con un produttore sostituto d’imposta lo obbliga all’erogazione del CUD (che ha costi altissimi per l’azienda agricola, soprattutto a fronte di una sola vendita all’anno). Chiarisci questo aspetto con il tuo produttore e cerca di prediligere collaborazioni ripetute nell’anno, per far sì che il produttore non abbia difficoltà ad assorbire i costi fiscali dell’operazione. 

- Se hai la partita IVA dovrai avere cura di informare il produttore se sei soggetto alla fatturazione elettronica o meno. Ricorda che l’Alveare Madre non può registrare le tue fatture per te (le riceverai ogni mese via email).

  • Periodicità 

È opportuno organizzare almeno una DSA al mese, ma non più di una a settimana. I membri scelgono l’Alveare che dice Sì per fare una spesa di qualità dai produttori del territorio. Considera altresì la spesa media dei membri del tuo Alveare e pianifica le DSA per non renderle troppo penalizzanti per i produttori locali che ogni settimana vengono a consegnare di persona in Alveare. 

  • Eccezionalità

La DSA deve essere un’eccezione, non la regola. Prima di avviare la collaborazione con un nuovo produttore, valuta l’andamento del tuo Alveare con il tuo coordinatore d’area, e discuti con lui le possibilità di riuscita dell’operazione. 

  • Stagionalità

Ogni Alveare deve rispettare la stagionalità della regione che lo ospita. Introdurre prodotti non di stagione in vendita penalizza la coerenza del progetto e l’immagine del tuo Alveare. I pomodori in Sicilia maturano prima, ma i membri degli Alveari del nord Italia sono educati alla stagionalità e sapranno aspettare.

  • Km medio

L’inserimento a catalogo di prodotti che vengono da lontano incrementa la distanza media dei prodotti in vendita, che ora viene evidenziata anche ai membri. Perciò, prima di organizzare una DSA valuta se il prodotto prescelto si può trovare anche nella tua regione. A parità di prodotto, privilegia sempre quello più vicino. 

  • Presenza del produttore

Il produttore che è presente alla distribuzione valorizza al meglio il suo prodotto, sa comunicarlo e fidelizza i membri, oltre ad essere responsabile della qualità e del rispetto delle norme HACCP. Se accidentalmente si deteriora un prodotto e il produttore non è presente, sarà più difficile individuare le responsabilità. In condizioni di assenza del produttore dovrai farti dare linee guida per far sì che la catena di conservazione del prodotto sia correttamente rispettata.

  • Produttori selezionati

Prima di scegliere in autonomia un produttore, valuta la selezione dei produttori preparata dall’Alveare Madre presente nel catalogo DSA.  
Questi produttori sono già preparati sul funzionamento della DSA e/o hanno già partecipato a diverse distribuzioni speciali: lavorare con loro sarà più facile e l’operazione comporterà meno rischi. Ad ogni modo, analizza e testa sempre personalmente la qualità del prodotto, il prezzo ed il minimo d’ordine richiesto dall’azienda. Ricorda: sarà tutto nelle tue mani.

  • Estero

Se decidi di organizzare una DSA con produttori non italiani, consultati preliminarmente con il tuo commercialista o con chi segue la tua fiscalità per verificare di adempiere a tutti gli obblighi fiscali che una collaborazione di questo tipo comporta. 

  • Comunicazione

Cibo locale, rigorosamente stagionale e dal produttore al consumatore: questo è l’Alveare che dice Sì, questa è la nostra storia ed è la nostra comunicazione. D’altronde, hai mai incontrato un produttore al supermercato?
Non essere in linea con questi principi mina la credibilità del tuo progetto e nuoce all’immagine della rete. 

Le DSA piacciono a tutti e fanno bene alla salute dell’Alveare, ma solo se usate responsabilmente!

Altre domande? Invia una richiesta

Commenti

Powered by Zendesk